Menu Completo
Cerca
Generic filters
Filtra per
downloads
convenzioni
modulistica

Governo, gli Avvocati Romani: ORA RIFORME CONDIVISE

A+ A-

𝙉𝙚𝙘𝙚𝙨𝙨𝙞𝙩𝙖̀ 𝙞𝙣𝙚𝙡𝙪𝙙𝙞𝙗𝙞𝙡𝙚: 𝙞𝙣𝙘𝙖𝙢𝙢𝙞𝙣𝙖𝙧𝙨𝙞 𝙨𝙥𝙚𝙙𝙞𝙩𝙞 𝙨𝙪𝙡𝙡𝙖 𝙫𝙞𝙖 𝙙𝙞 𝙪𝙣𝙖 𝙧𝙞𝙛𝙤𝙧𝙢𝙖 𝙤𝙧𝙜𝙖𝙣𝙞𝙘𝙖 𝙙𝙚𝙡𝙡𝙖 𝙂𝙞𝙪𝙨𝙩𝙞𝙯𝙞𝙖

L’auspicio degli avvocati, romani e non solo, è che nel ruolo di Guardasigilli il nuovo governo proponga un nome autorevole e che finalmente si possa inaugurare una stagione di riforme condivise con tutti gli attori della Giustizia“. Così Antonino Galletti, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma, il più grande d’Italia, commentando l’incarico affidato dal Capo dello Stato a #MarioDraghi. “Come abbiamo visto – prosegue Galletti – il tema della Giustizia è stato divisivo al punto da provocare la caduta del Governo Conte bis e rendere impraticabile la via del Conte ter. Sarebbe auspicabile a questo punto ritrovare la strada del dialogo attraverso la scelta di una figura tecnica autorevole e unanimemente rispettata, che sappia trovare una sintesi fra le varie anime del Paese“. Secondo il Presidente del COA Roma infatti “il punto di incontro può essere la consapevolezza condivisa della necessità ineludibile di incamminarsi spediti sulla via di una riforma organica della Giustizia. Viceversa, procedere a colpi di decreti inaudita altera parte, imponendo la propria visione agli altri, non produce i risultati sperati. Penso a temi come la riforma della prescrizione, ad esempio“.
Ci vuole invece un’impostazione che restituisca pari dignità a tutti gli attori del processo e finalmente si spinga fino all’inserimento della figura dell’Avvocato in Costituzione, argomento da anni dibattuto ma mai seriamente affrontato – conclude l’Avvocato Galletti – Giustizia però non vuol dire solo garantire la punizione dell’eventuale colpevole, ma parimenti la difesa dei diritti del cittadino, fin troppo spesso inerme – come nel Castello di Kafka – di fronte all’immane macchina dell’amministrazione giudiziaria“.
𝗗𝗶𝗽𝗮𝗿𝘁𝗶𝗺𝗲𝗻𝘁𝗼 𝗖𝗼𝗺𝘂𝗻𝗶𝗰𝗮𝘇𝗶𝗼𝗻𝗲 𝗖𝗢𝗔 𝗥𝗢𝗠𝗔 – 𝘂𝗳𝗳𝗶𝗰𝗶𝗼𝘀𝘁𝗮𝗺𝗽𝗮@𝗼𝗿𝗱𝗶𝗻𝗲𝗮𝘃𝘃𝗼𝗰𝗮𝘁𝗶.𝗿𝗼𝗺𝗮.𝗶𝘁


Fonte: Andrea Pontecorvo