Menu Completo
Cerca
Generic filters
Filtra per
downloads
convenzioni
modulistica

Accordo sottoscritto tra l’A.N.F. Roma, la Camera Penale e Civile di Roma e la Presidenza del Tribunale – fare fronte alle difficoltà dei colleghi ai quali sia rilevata all’accesso agli uffici giudiziari una temperatura superiore a 37.5 gradi ed impossibilitati perciò all’ingresso

A+ A-

ESTRATTO DAL VERBALE DELL’ADUNANZA DEL 29 OTTOBRE 2020

(omissis)

 

– I Consiglieri Conti, Gentile e Cesali, in esecuzione della delega ricevuta al riguardo dal Consiglio, comunicano di aver predisposto i moduli (che si distribuiscono) in relazione all’accordo sottoscritto tra l’A.N.F. Roma, la Camera Penale e Civile di Roma e la Presidenza del Tribunale, al fine di far fronte alle difficoltà dei colleghi ai quali sia rilevata all’accesso agli uffici giudiziari una temperatura superiore a 37.5 gradi ed impossibilitati perciò all’ingresso.

L’accordo prevede che l’iscritto febbricitante possa contattare le Associazioni indicate e competenti per materia (penale e civile) con le modalità indicate nel modulo dal lunedì al mercoledì (per il Penale: Camera Penale 06.38702614 – dal giovedì al venerdì A.N.F. Roma 06.38702614 e per il Civile: A.N.F. 06.3244513) e che il difensore d’ufficio o la segreteria dell’A.N.F. per il civile, provvedano a sostituire il collega in udienza ed a comunicargli alla pec indicata la data di rinvio dell’udienza.

Nella predetta autodichiarazione l’Avvocato rinuncia alla notifica a mezzo pec da parte della cancelleria del Tribunale penale, stante l’impegno del difensore d’ufficio a provvedere in tal senso.

Quanto sopra, nell’ottica della proficua collaborazione ed al fine di non oberare le cancellerie dell’adempimento ulteriore.

I colleghi o le associazioni interessate a collaborare potranno prendere contatti diretti con C.P.R. ed A.N.F.

Il Consiglio approva con delibera immediatamente esecutiva e dispone la comunicazione a tutti gli iscritti unitamente ai moduli predisposti mediante la pubblicazione sul sito istituzionale e la diffusione sui canali social e nella newsletter.

 


Fonte: Affari generali

Per accedere all'allegato cliccare qui.