Menu Completo
Cerca
Generic filters
Filtra per
downloads
convenzioni
modulistica

Notifiche a mezzo P.E.C. – estratto dal verbale dell’Adunanza del 5 settembre

A+ A-

 

 

ESTRATTO DAL VERBALE DELL’ADUNANZA DEL 5 SETTEMBRE 2013

(omissis)

 

– Il Presidente, in adempimento della delibera del Consiglio del 25 luglio 2013 relativa alla richiesta di autorizzazione alla notifica a mezzo P.E.C., riferisce di avere interessato il Gruppo Informatico di Presidenza, dal quale è emerso che la notifica ai sensi della L. n. 53/94 prevede la preventiva autorizzazione del Consiglio dell’Ordine di appartenenza. Infatti nella relazione di notificazione occorre inserire la data ed il numero della delibera stessa. Quanto sopra a prescindere dalle modalità di notifica prescelta tra quelle previste dalla stessa norma.

Riferisce che, in buona sostanza, il Consiglio deve autorizzare in via generale alla notifica ai sensi della L. n. 53/94, ma non specificamente alla notifica a mezzo P.E.C.

Pertanto chi è già stato autorizzato alla notifica a mezzo del servizio postale non deve chiedere una nuova autorizzazione, chi non lo è mai stato sì.

Riguardo al registro è obbligatorio per le notifiche postali e dirette e non deve essere utilizzato per quelle via P.E.C., peraltro è opportuno farselo vidimare comunque per non rinunciare alla possibilità di notificare in una delle modalità previste dalla norma.

In relazione alle problematiche relative alle notifiche via P.E.C., il Consigliere Stoppani chiede che il Consiglio si faccia parte diligente nel far conoscere ai cittadini che già vengono notificati ad imprese ed altri soggetti previsti dalla legge via P.E.C. provvedimenti del tribunale Fallimentare, con gravissime conseguenze per gli interessati.

Il Consiglio delibera di pubblicare sul sito web istituzionale e di trasmettere agli Avv.ti (omissis) la presente delibera, nonché di autorizzarli alla notificazione ai sensi della legge 53/1994, ove in possesso dei requisiti richiesti. Dichiara la presente delibera immediatamente esecutiva.

 

 


Fonte: affari generali