Menu Completo
Cerca
Generic filters
Filtra per
downloads
convenzioni
modulistica

11 MAGGIO 2016 – CONVEGNO “SPORT E MERCATO – LA SENTENZA BOSMAN VENT’ANNI DOPO”

A+ A-

ESTRATTO DAL VERBALE DELL’ADUNANZA DEL 21 APRILE 2016

(omissis)

 

– Il Presidente Vaglio riferisce che il Prof. Avv. Alberto Maria Gambino ha comunicato di avere organizzato, per conto dell’Università Europea di Roma ed in collaborazione con il C.O.N.I. e con l’Università di Roma Tre, un Convegno sul tema “Sport e Mercato – La sentenza Bosman vent’anni dopo” che si terrà mercoledì 11 maggio 2016, dalle ore 9,00 alle ore 14,00, nel Salone d’Onore del CONI in Roma, Piazza Lauro De Bosis.

Dopo i saluti istituzionali, sarà presentato il nuovo numero della Rivista di Diritto Sportivo (Alberto M. Gambino, Condirettore Scientifico Rivista di Diritto Sportivo-Prorettore Università Europea di Roma Giulio Napolitano, Ordinario di Diritto Amministrativo nell’Università degli Studi Roma Tre).

Presiederà i lavori Alfonso Quaranta, Presidente Emerito della Corte Costituzionale.

Nel corso dell’evento, saranno trattati i seguenti temi:

– “Diritti Sportivi e Antitrust (Francesco Goisis, Ordinario di Diritto Amministrativo nell’Università degli Studi di Milano); – “Libertà fondamentali e concorrenza” (Stefano Bastianon, Associato di Diritto dell’Unione Europea nell’Università degli Studi di Bergamo);

– “Mercato e Sport: analisi economica” (Mariateresa Maggiolino, Associato di Diritto dell’Impresa e del Mercato nell’Università Bocconi);

– “I trasferimenti internazionali dei calciatori” (Luigi Fumagalli, Ordinario di Diritto Internazionale nell’Università degli Studi di Milano);

– “Il rapporto di Diritto Privato (Pasquale Sandulli, Ordinario di Diritto del Lavoro nell’Università di Roma “La Sapienza”);

– “Geoblocking, proprietà intellettuale e concorrenza (Valeria Falce, Ordinario di Diritto dell’Economia nell’Università Europea di Roma).

Concluderà i lavori Diego Corapi, Emerito di Diritto Privato Comparato nell’Università di Roma “La Sapienza”.

Il Consiglio dell’Ordine ha già riconosciuto per i partecipanti cinque crediti formativi.


Fonte: AFFARI GENERALI